Coccidiosi
Malattia protozoaria che colpisce tutte le specie aviari, nessuna esclusa.  Sostenuta da protozoi immobili del genere Eimeria, sono responsabili di enteriti, tifliti o entero-tifliti.  Spesso i Coccidi sono ospiti nell'intestino dei volatili senza determinare sintomi alcuni.  Sono solitamente specie-specifici nel senso che ogni specie di volatili è parassitata da due/tre specie di Eimeria.  La Coccidiosi provoca diarrea biancastra (forma intestinale) o emorragia (Coccidiosi ciecale).
L'esame microscopico delle feci mette in evidenza i Coccidi e ne conferma la diagnosi.  Nel canarino morto possono evidenziarsi lesioni enteriche più o meno gravi, ovvero tiflite-emorragica.  Nei canarini in gabbia, tra loro isolati, la Coccidiosi può colpire uno o pochi volatili.  Dimagrimento progressivo, arruffamento del piumaggio e diarrea persistente possono far sospettare la Coccidiosi.  In tal caso prelevare le feci dalla lettiera e farle sottoporre ad esame microscopico presso un laboratorio.  La terapia nel canarino si effettua con Amprolsol, un farmaco efficace e privo di tossicità.  Non si consiglia di impiegare farmaci a base di Sulfochinossalina poiché tale sulfamidico è piuttosto tossico. Di Amprol-sol liquido al 12% se ne somministra ml. 4 ogni litro d'acqua da bere per 6/7 giorni. 

RIFERIMENTI FOI

PAGINE WEB DEI SOCI

Non ci sono voci in questo menù
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy