Diftero-Vaiolo


E’ la più grave infezione virale del canarino. E’ frequente particolarmente in autunno e può colpire anche una percentuale molto elevata di volatili.
Sostenuta da un pox-virus si presenta nella forma vaiolosa o difterica.  Nella forma vaiolosa le lesioni sono inizialmente papulose in evoluzione: da papule a vescicole e quindi a pustole.
Compaiono su zampe, palpebre, intorno agli occhi e alle narici.  Le pustole rossastre maturano lasciando croste che cadono dopo 30/40 giorni.  Il canarino ammalato di vaiolo soffre e va isolato da quelli sani per evitare il contagio.  La forma difterica è più grave ma più rara.  Placche grigio-giallastre si formano sulle mucose della bocca e, in particolare, sulla laringe determinando ostruzione e morte per asfissia.
Si può tentare l'asportazione della placca con una pinzetta ma, tuttavia, spesso è preferibile eliminare il soggetto poiché la forma difterica è contagiosa e grave. il canarino respira affannosamente e dalle narici e dalla bocca fuoriesce sierosità mista a saliva schiumosa.  La terapia del diftero-vaiolo si attua con tintura di jodio diluita in olio di semi ma il vero rimedio consiste nella vaccinazione con appositi vaccini per canarini da praticarsi per scarificazione sulla cute deplumata della coscia.
La precauzione più importante nel caso si decida di non vaccinare, consiste nella nebulizzazione settimanale con Halamid (da intensificare nella stagione che favorisce l'insorgere di tale infezione).

RIFERIMENTI FOI

PAGINE WEB DEI SOCI

Non ci sono voci in questo menù
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy